Ray Ban Rb3211

Con queste tre parole (e anche con altre persino meno colorite) si potrebbe descrivere il secondo lavoro del duo Mandelli Biggio. Forti del successo della prima pellicola, il sequel (non che il predecessore fosse stato un capolavoro) riesce persino a fare peggio: parolacce, situazioni scontate, dialoghi pressoch trascurabili e un mix confuso e smisurato di personaggi che dovrebbero rappresentare il peggio del nostro Paese. Biggio e Mandelli non vanno un metro oltre il gi visto, riproponendo in maniera angosciante lo stesso linguaggio e gli stessi sketch per tutto il film, quasi come fosse la base di un pezzo house.

Wong Kar Wai è stato un grande maestro del cinema, e forse lo è ancora anche se The grandmaster, il suo ultimo film, non verifica questa grandezza, anzi ne segna tutti i limiti. Nella carriera di un regista, tanto più se prolifico, è certo possibile trovare qualche caduta, qualche punto basso. Non è certo una tragedia.

Parliamo di Ore disperate (1990) di Michael Cimino con Anthony Hopkins, A proposito di Henry (1991) con Harrison Ford, Ombre e nebbia (1991) con John Malkovich, Mio cugino Vincenzo (1992), Basic Instinct Istinto di base (1992) con Sharon Stone e Michael Douglas, White Sands Tracce nella sabbia (1992) ancora con Samuel L. Jackson e anche Wind Più forte del vento (1992). Ma il ruolo che forse più rimane impresso è quello dell’elitario Mr Trask ne Scent of a Woman Profumo di donna (1992) di Martin Brest, nel quale deve vedersela con un cieco Al Pacino che ha ritrovato al sua voglia di vivere.

The Sun (2015)Blackpool councillors branded him a disgrace for risking public health. The Sun (2016)His unique brand of humour will both pull on your heartstrings and make you smile. The Sun (2015)Another way to make a brand distinctive is with color.

La vita perfetta di Mary Haines va in crisi quando, facendo la manicure da Saks sulla Quinta Strada, apprende dalla ciarliera estetista che suo marito, un magnate della finanza, ha una relazione appassionata con la commessa addetta alla profumeria. Come se non bastasse, la sua migliore amica Sylvia, per non perdere il posto di lavoro alla guida di una rinomata rivista, vende la privacy di Mary a una nota cronista mondana in cambio di una rubrica con la sua firma. Sconvolta, Mary comincia a preoccuparsi innanzitutto di se stessa e, così facendo, finisce per ritrovare la fiducia e l’affetto degli altri.

A questo punto arrivano: Ju on: Rancore (2003) e Ju on: Rancore 2 (2003) che descrivono gli ultimi sviluppi della maledizione che condanna a morte prima una famigliola appena trasferitasi nell’appartamento stregato e poi un’assistente volontaria che si occuperà dell’ultima sopravvissuta all’anatema spettrale, un’anziana signora visibilmente traumatizzata dagli eventi. L’America si innamora della saga e chiede a Shimizu di girare i remake americani dei due film cinematografici. Il regista accetta e nascono: The Grudge (2004) con Sarah Michelle Gellar, Jason Behr, William Mapother e Clea Duvall; The Grudge 2 (2006) e The Grudge 3 (2009).

Ray Ban Rb3211
Tagged on:

Lascia un commento