Ray Ban Collection

Dalla stessa baraccopoli, o da quello che ne restava dopo il rogo, è partito domenica scorsa Soumayla Sacko, 29 anni, originario del Mali, per andare a cercare delle lamiere per le baracche dei suoi compagni in una vicina fabbrica abbandonata. Qualcuno lo ha puntato col fucile e gli ha sparato colpendolo dritto in testa. Più fortunati sono stati i due ragazzi che erano con lui, presi anche loro di mira in questo tiro al bersaglio, ma riusciti a scappare.

Cerca un cinemaPisa, giugno del 1970. Invece di prepararsi per l’esame di maturità, Renzo Lulli e Fabio Gismondi si recano per un provino con la chitarra a casa di Pino Masi, cantautore ben inserito all’interno dell’ambiente della contestazione. Mentre i due studenti stanno eseguendo la “Ballata del Pinelli” davanti a quello che per loro è un leader indiscusso, arriva segretissima la notizia di un golpe.

Dopodiché la sua carriera prende la via della guest star e in questo ruolo partecipa a diverse serie televisive.A discapito della limitatezza dei mezzi tecnologici e dell’artigianalità degli effetti speciali, L’uomo da sei milioni di dollari (liberamente ispirato al romanzo “Cyborg” di Martin Caidin) e il suo spinoff, La donna bionica, sono divenute delle serie tv cult. Era il 1974 quando sul piccolo schermo comparve per la prima volta il colonnello Steve Austin, dotato di poteri straordinari ottenuti in seguito a un intervento “bionico”. Acquisita la velocità, la forza fisica e una vista sopraffina, l’uomo da sei milioni di dollari (questo il costo complessivo dell’operazione) necessitava solamente di una donna.

Vestiti i panni di Maria José nella miniserie Maria Josè L’ultima regina (2002) diretta da Carlo Lizzani, partecipa anche alla fiction a puntate La cittadella (2003) di Fabrizio Costa.Poi Alex Infascelli la sceglie per il thriller Il siero della vanità (2004) e Michele Placido per Ovunque sei (2004): il volto della Bobulova comincia a essere finalmente riconosciuto nel panorama artistico italiano, anche se si dovrà aspettare Cuore Sacro (2004) di Ferzan Ozpetek per promuoverla ad attrice di serie A.Accanto ad una venale zia Lisa Gastoni e a una più affabile Erika Blanc, interpreterà una speculatrice edilizia che prende coscienza della povertà del mondo ed entra in una psicotica crisi mistica, una sorta di “sindrome di San Francesco” che la spingerà a spogliarsi (anche letteralmente) di tutti i suoi beni. La sua grazia in scena e l’agonia tangibile che attraversa il suo personaggio la consacreranno con il David di Donatello come Miglior Attrice Protagonista.Poi, al suo esordio dietro la macchina da presa, il collega Kim Rossi Stuart la sceglierà come moglie e madre assente per Anche libero va bene (2006) mentre, in coppia con Fabio Volo, sarà una moglie che vuole diventare madre ricorrendo alla fecondazione assistita, in Manuale d’amore 2 Capitoli successivi (2007) di Giovanni Veronesi.Torna alla fiction nelle vesti della stilista Coco Chanel, in Coco Chanel (2008), che la vede protagonista insieme a Shirley MacLaine. Nel 2010 è nel cast del film a sfondo civile in Le ultime 56 ore, in La bellezza del somaro di Sergio Castellitto, in compagnia di Raoul Bova in Ti presento un amico di Carlo Vanzina, in Immaturi (2010) di Paolo Genovese e il suo sequel, Immaturi Il viaggio (2011).

Ray Ban Collection
Tagged on:

Lascia un commento